Alloggio Cincillà

Il cincillà è un animale molto vivace, vispo e agile, pertanto ama saltare, correre e divertirsi anche dentro il proprio alloggio.

La Gabbia

E’ preferibile perciò avere una gabbia sviluppata principalmente in verticale come ad esempio una voliera.Cincilla Gabbia

Le dimensioni standard sono:

  • Altezza: 120 cm
  • Larghezza: 60 cm
  • Profondità: 80 cm

E’ opportuno che la gabbia sia di metallo in quanto sappiamo che il cincillà ama rosicchiare qualsiasi cosa.

E’ ideale collocare la gabbia in un ambiente prevalentemente secco senza correnti d’aria con una temperatura che varia dai 10°C ai 20°C. Sono assolutamente da evitare le temperature sopra i 25/30°C, che potrebbero far incorrere il cincillà in colpi di calori.

Il fondo della gabbia può essere ricoperto da diversi materiali. Il più consigliato è il “tutolo di mais” non profumato, ma possono andare bene anche i pellet di carta pressata, i pellet di legno e/o le lettiere di lino o canapa. E’ invece sconsigliato allestire il fondo della gabbia con cartoni, segatura e/o fogli di giornali, in quanto poco assorbenti e potrebbero provocare problemi respiratori.

Risulta molto importante che i piani della gabbia siano uniformi, cioè non a griglie, in quanto il cincillà potrebbe inciampare, cadendo e rischiando (data la sua debolezza ossea) di procurarsi delle microfratture.

Gli Accessori

Ovviamente è opportuno “addobbare” la gabbia con alcuni dei seguenti accessori, alcuni dei quali risultano indispensabile per la sopravvivenza del cincillà:

  • Casa: utile a fornire un riparo e protezione al cincillà, sopratutto durante le ore mattutine e il primo pomeriggio, (ricordando che il cincillà è un animale notturno). Prevalentemente le casette sono di legno, anche se vengono rosicchiate non presentano un pericolo per il cincillà;
  • Ciotola cibo: è preferibile una ciotola molto pesante in modo che il cincillà non la ribalti, ad esempio di metallo. Cliccando qui potrai conoscere tutti i dettagli dell’alimentazione del cincillà;
  • Beverino: è consigliato un beverino a goccia o a spillo; è utile cambiare l’acqua almeno una volta al giorno;
  • Portafieno: ottimo per contenere il fieno (uno dei principali alimenti del cincillà). Consente di non spargere in giro per la gabbia tutto il fieno;
  • Ruota: di dimensione idonee (in base alla grandezza del cincillà) è utile per consentirgli un po’ di movimento;
  • Sabbia: utilissima per mantenere pulito e lucido il mantello del cincillà. E’ assolutamente sconsigliato utilizzare sabbie non specifiche, ad esempio sabbie edilizie e/o lettiere per gatti;
  • Oggetti da rosicchiare: pietra minerale, legnetti non trattati come ad esempio: melo, salice, pero, olmo e betulla. Assolutamente tossico risulta il ciliegio, il susino, l’abete, il pino e l’oleandro (contengono resine tossiche).

Tempo Libero

Ricordiamo inoltre che il cincillà ha bisogno anche almeno 2 ore al giorno di uscire dalla propria gabbia. L’importante è che le stanze in cui il cincillà viene lasciato “girovagare” siano messe in sicurezza. Ad esempio è necessario nascondere cavi elettrici, piante e coprire qualsiasi spiraglio in cui il cincillà potrebbe incunearsi rischiando di farsi del male.

4 Commenti

  1. Mario

    Ciao su molti siti dicono che i cincillà vanno sulla ruota,quindi ho ho messo una ruota appesa nella gabbia però il mio cincillà non di sale.
    Cosa dovrei fare?

  2. Antonella

    Ciao, io ho due cincilla, da due giorni sono tre. Vorrei aggiungere alla gabbia dei ripiani, ma non so di che materiale, so che ne vendono di plastica, vanno bene quelli? O meglio legno? E quale legno!?!?! E ancora una domanda…il cucciolo posso toccarlo????? Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *